iuc

Narek Hakhnazaryan, violoncello (Cajkovskij 2011)

Data / Ora
sabato 19/01/2019 ore 17:30
Luogo
Aula Magna Sapienza
Ciclo

Vincitore del Concorso Internazionale Čajkovskij 2011
Fin dal suo debutto alla IUC, poco dopo aver vinto Il Čajkovskij, Narek Hakhnazaryan ha mostrato le sue grandi doti interpretative. Oggi a qualche anno di distanza torna dopo essersi esibito in tutto il mondo e essere stato consacrato come “talento stellare”.

 
Narek Hakhnazaryan violoncello
Oxana Shevchenko pianoforte

acquista prenotauniiuc


Debussy
Sonata in re minore
Fauré Élégie op. 24
Après un réve op. 7 n. 1
Saint-Saens Allegro appassionato op. 43
Massenet Méditation (da Thai’s)
Fauré Papillon op. 77
Chopin Sonata in sol minore op. 65

Nel 2011, a ventitré anni, Narek Hakhnazaryan ha vinto il Concorso Čajkovskij di Mosca e pochi mesi dopo faceva il suo debutto romano alla IUC: fu facile allora pronosticargli un grande futuro e infatti nel giro di qualche anno si è esibito in tutto il mondo sia con le orchestre più importanti sia in recital, confermandosi a livello internazionale come uno dei più importanti violoncellisti della sua generazione. Il Washington Post ha scritto di lui: «è un violoncellista fenomenale,… destinato a una carriera stellare» e il Los Angeles Times: «la sua padronanza dello strumento è straordinaria». Suona musica francese tra fine Ottocento e primo Novecento, con capolavori come la Sonata di Debussy, e conclude con la Sonata di Chopin, il più importante lavoro da lui dedicato a uno strumento diverso dal pianoforte.