Musica pourparler

La IUC si è sempre distinta per la promozione e diffusione della musica classica e contemporanea tra i giovani essendo questo uno degli scopi fondamentali della sua istituzione all’interno dell’università.

In questo ambito organizza ormai da diversi anni la rassegna Pourparler concepita per il pubblico dei più giovani e degli adolescenti. Essa si avvale di una comunicazione pensata appositamente per creare un dialogo alla pari tra artisti e giovane pubblico, alla comune scoperta degli innumerevoli linguaggi della musica.
Il progetto, relativamente recente, è nato nel corso della stagione 2003-2004. L’obiettivo è quello di fare uscire i ragazzi dalla scuola e portarli direttamente all’interno di una sala da concerto, facendo ascoltare la musica nel suo luogo deputato, che nel nostro caso coincide con l’università. Questa è un’occasione doppiamente importante poiché varcare le porte dell’università per un ragazzo giovane è un atto simbolicamente affascinante, e può essere un incentivo forte a voler continuare gli studi fino al raggiungimento della laurea. Infatti il solo fatto di essere già stati all’università o in una sala dal concerto e aver partecipato alle attività di quel luogo rende più familiare il contesto e più accessibile l’idea stessa di poterci tornare in futuro.
Il programma musicale delle conferenze concerto è pensato sempre a misura dei ragazzi e, come per i concerti nelle scuole, viene concordato assieme ai musicisti. La formula prevede tre incontri mattutini in Aula Magna, in genere presentati tra ottobre e dicembre, in cui artisti, che spesso ritroviamo sul palco della stagione ordinaria, illustrano ai ragazzi la loro musica, il loro percorso e i loro strumenti.
Le conferenze concerto hanno proposto negli anni il Bach di Angela Hewitt, le percussioni di Ars Ludi, il jazz di Roberto Gatto, Enrico Pieranunzi e Danilo Rea, il pianoforte di Andrea Bacchetti, le chitarre di Arturo Tallini, gli ottoni e i fiati della Ials Jazz Big Band di Gianni Oddi e molti altri appuntamenti.
Dopo le note e le parole degli artisti la parola passa agli studenti che scrivono la loro recensione di uno o più incontri; i lavori migliori vengono poi premiati durante uno dei concerti finali della stagione, pubblicati a cura della IUC e distribuiti a tutto il pubblico. Durante la premiazione vengono inoltre regalati degli abbonamenti per l’intera stagione dell’anno seguente a tutta la famiglia (genitori ed eventuali fratelli) dei ragazzi premiati (che in genere sono da quattro a sei). Il giovane o la giovane vincitore/trice quindi potranno venire ad assistere gratuitamente, assieme alla propria famiglia, ai concerti della IUC. Questo passaggio dalla scuola alla famiglia è molto importante perché è il ragazzo stesso, in questo caso, ad invogliare la famiglia verso un’attività culturale che ha conosciuto tramite la scuola. Il giovane si sente parte attiva della serata e contemporaneamente, svolgendo un’attività culturale insieme ai propri genitori e fratelli, la musica comincia a diventare un’esperienza ancora più familiare ed importante per lui e ad entrare nelle abitudini non solo della scuola ma della propria famiglia.
Il concerto di premiazione finale è inoltre un momento unico per tutti i ragazzi delle scuole: assistendo alla premiazione dei compagni durante uno dei concerti serali della stagione, entrano a pieno titolo nel pubblico ordinario (ed oseremmo dire anche “straordinario”!) della IUC.

Ecco il programma della 73a Stagione 2017-18:


Martedì 24 ottobre 2017 ore 11.00
Il flauto magico
con Elio voce recitante e baritono
Julia Bauer soprano
Ensemble Berlin

Quando Elio decide di interpretare un personaggio,di raccontare una storia, perfino di cantare un’aria da baritono il successo è garantito. Il Flauto Magico è unoriginale progetto di rilettura dell’opera diMozartraccontato da unostraordinario Elio che darà vita ad una brillante ma fedele rielaborazione del librettooriginale, dando voce ai differenti personaggi e interpretando anche vocalmente la celebrearia e i duetti del buffo uccellatore Papageno.Il tutto con la presenza costante della musica eseguita dall’Ensemble Berlin e dal soprano Julia Bauer.

Studenti biglietto euro 5-Professori accompagnatori biglietto omaggioGenitori accompagnatori biglietto euro 7


Mercoledì 29 novembre 2017 ore 11.00
Orchestra Sinfonica Abruzzese
Giordano Ferranti direttore

Bravo Gioacchino!
Musiche di Rossini

In occasione dei 150 anni dalla morte di Gioacchino Rossini l’Orchestra introduce all’ascolto delle sue partiture attraverso esempi che mettono in rilievo le particolarità dell’orchestrazione (gli assoli, le percussioni “turche”, il famoso “crescendo rossinano” ecc) con accenni alla straordinaria figura di uno dei compositori di maggior successo di tutti i tempi e alla genesi delle sue opere. Il giovane pubblico è guidato alla scoperta delle meraviglie di alcuni dei suoi più celebri brani, come leSinfonie tratte da l’ Italiana in Algeri e Il turco in Italia e il Temporale di Siviglia.

 Studenti biglietto euro 3-Professori accompagnatori biglietto omaggioGenitori accompagnatori biglietto euro 5

Martedì 6 marzo 2018 ore 11.00
Giovanni Sollima violoncello
Giuseppe Andaloro pianoforte

Eclettico, funambolico e dotato di un’intelligenza musicale rara: Giovanni Sollima mette tutti d’accordo con le corde del suo violoncello che spazia dal rock alla classica con una naturalezza disarmante. Con il pianista Giuseppe Andaloro proporrà un progetto che si presenta nella forma del work in progress e che nasce e si sviluppa al momento stesso del concerto in base al pubblico presente e all’energia che questo trasmette. Un concerto interattivo dunque che prenderà vita dalla sinergia con i ragazzi e che solo due grandi artisti del loro calibro possono permettersi.

 Studenti biglietto euro 3-Professori accompagnatori biglietto omaggioGenitori accompagnatori biglietto euro 5

Venerdì 6 aprile 2018 ore 11.00
TETRAKTIS PERCUSSIONI
PercuoTiAmo:1.000 modi di fare musica con le percussioni

Con un’esperienza artistica e didattica ventennale ha realizzato progetti di riconosciuto valorericercandouna relazione artistica fra i diversi linguaggieculture, permettendo una crescita ed un arricchimento del repertorio concertistico e didattico. Tra le famiglie degli strumenti musicali quella delle percussioni èla più numerosa, ogni tradizione musicale ne hadiverseper forma, sonorità e funzione. Uno degli obiettivi di questa lezione-concerto è proprio quello di raccontare gli strumenti a percussione della nostra tradizione musicale (grancassa, tamburo, piatti, triangolo, xilofono, vibrafono) ed il repertorio che si è sviluppato soprattutto nel ‘900 confrontandoli anche con gli strumenti di altri continenti (marimba, djembè, bongos, darabukkè e tanti altri).Tra i brani eseguiti: Third Construction di CageeMillennium BugSollima, Cucchiai per quattro coppie dicucchiai diSaveri, Banchi Funky di Mancini.

Studenti biglietto euro 3-Professori accompagnatori biglietto omaggioGenitori accompagnatori biglietto euro 5

La parola agli studenti!

Anche quest’anno gli studenti potranno scrivere una recensione sui concerti, e i lavori migliori saranno premiati con un abbonamento per la stagione successiva.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE
Le scuole potranno partecipare alle conferenze concerto previa prenotazione

Per info e prenotazioni: Isabella Pagliano Tajani (h. 10 – 13)
email: iuc@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it

I programmi potranno subire variazioni