Signum Saxophone Quartet

Data / Ora
10/04/2018 ore 20:30
Luogo
Aula Magna Sapienza
Ciclo

Signum Saxophone Quartet

acquista prenotauniiuc

 

 

Haydn Quartetto n. 1 in si minore da Russische Quartette op. 33
Bach Concerto Italiano in fa maggire BWV 971
Piazzolla Four, for Tango
Ligeti 6 Bagatellen
Ginastera Danzas Argentinas op. 2
Zarvos Memory da Nepomuk’s Dances
Chick Corea Spain

Arrangiamenti per quartetto di sassofoni di K. Tochio, G. Bourgogne, D. Brand, A. Cimiotti e Signum Quartet.

“Quattro sassofonisti che scuotono la sala”, “la loro stupenda perfezione è un dono”, “che siano la reincarnazione dei Beatles?”: questo la stampa internazionale scrive del SIGNUM Saxophone Quartet e il pubblico è entusiasta di questi quattro giovani – due tedeschi, uno dei quali di origine italiana, e due sloveni – che reinterpretano i classici molto liberamente e flirtano con il pop, il jazz, il tango e tutti gli altri generi musicali. Martedì 10 aprile alle 20.30 saranno a a Roma, all’Aula Magna della Sapienza per i concerti della IUC.

Questi quattro sassofonisti, che hanno una solidissima formazione classica, sono stati premiati a Lugano e Berlino in concorsi molto selettivi, suonano nelle più prestigiose sale da concerto europee (Barbican Center London, Konzerthaus Vienna, Concertgebouw Amsterdam, Palais des Beaux-Arts Brussels, Elbphilharmonie Hamburg) e americane (Carnegie Hall di New York) e con le loro tournée sono arrivati fino in Corea. Sono sempre intrigati da nuove sfide e alla ricerca delle più disparate collaborazioni musicali. Caratteristiche distintive come la passione e la versatilità sperimentale delle loro idee si riflettono nei loro programmi, che propongono autori di epoche lontane, antichi e contemporanei, e accostano la musica classica al tango e al jazz, come avverrà anche nel loro concerto romano, che alterna illustri classici (Joseph Haydn e Johann Sebastian Bach, ovviamente in trascrizioni) e grandi compositori del Novecento (György Ligeti e Alberto Ginastera) al tango di Astor Piazzolla e al jazz di Chick Corea.